SheInside

 Sheinside - Your Online Fashion Wardrobe

lunedì 30 aprile 2012

Riassunto FRINGE 1X01, 1X02, 1X03, 1X04, 1X05, 1X06, 1X07

1x01: PILOT - La prima puntata inizia con il volo internazionale 627 che atterra all'aeroporto di Boston con passeggeri ed equipaggio inspiegabilmente morti tra indicibili sofferenze all'interno di un Boeing rimasto assolutamente intatto. All'agente speciale FBI Olivia Dunham (Anna Torv) viene affidato l'incarico di indagare sul delicatissimo caso. Le indagini portano la giovane agente ad inbattersi nel dottor Bishop, uno scienziato rinchiuso in un ospedale psichiatrico da 20 anni e il quale le potrà dare una grossa mano grazie a racconti su esperimenti fatti in passato. Il luminare viene contattato dalla bionda Olivia grazie all'aiuto del figlio (Joshua Jackson), il quale non vede suo padre da molti anni. Si scoprirà che il mistero del volo 627 rappresenta solo la punta dell'iceberg, sotto la quale si cela una sconvolgente verità riguardante uno schema di eventi che stanno per scombussolare l'equilibrio del pianeta.

1x02: THE SAME OLD STORY - La seconda puntata si apre con una strana riunione a cui è presente anche Nina Sharp (Blair Brown), la responsabile della Massime Dinamycs, l’ agente Phillip Broyles (Lance Reddick) sta “presentando” ai presenti la squadra che ha composto per occuparsi dello “schema”, facendo vedere curriculum e foto. Intanto si presenta il nuovo caso, una donna che urlaa fuori da un motel, un ragazzo raccoglie alcune cose dalla stanza e fugge fuori, prende la ragazza e la fa salire in macchina, sembra che la ragazza abbia le doglie, ma arrivato davanti all’ospedale, l’uomo la fa scendere e la lascia a terra, scappando via con l’auto. L’agente Olivia Dunham (Anna Tov) sta guardando il fascicolo sul caso del suo collega e compagno John Scott, in quel momento riceve una telefonata da Broyles che le dice di raggiungerlo insieme al resto della squadra. La donna arrivata in ospedale è morta prima di dare alla luce un bambino, che in mezz’ora è invecchiato fino a morire, il dottor Bishop (John Noble) si china sul corpo per fare le prime analisi e poi chiede che sia portato nel suo laboratorio, anche se non ricorda di averne uno. Mentre Olivia e Peter (Joshua Jackson) si recano nella camera del motel, lì la donna capisce subito che la morte della donna è legata ad un killer seriale, un caso che lei e John non sono riusciti a chiudere. Quando il dottor Bishop le riferisce che il caso ha a che fare con l’asportazione di un pezzo del cervello attraverso i setti nasali.

1x03: THE GHOST NETWORK - Un uomo si confessa presso la cattedrale di St Anne’s e chiede al prete se può essere vero che il diavolo parli con lui, l’uomo dice di vedere delle cose cattive, presto succederà qualcosa di terribile su un autobus, preso dal panico scappa via, ma viene riconosciuto dal prete che chiama la Polizia. Intanto l’agente Dunham è al funerale di Scott ed è infastidita dal fatto che abbiano dovuto celebrare l’agente come un eroe quando era un traditore in realtà. Su un autobus un uomo mette la maschera, rilascia un gas, tra la confusione prende uno zaino e scappa via, subito dopo lo stesso gas si solidifica e intrappola tutti i passeggeri. La squadra viene avvisata e il pullman viene scomposto e i corpi identificati, grazie al video di una telecamera, Olivia si accorge che uno zaino, che non è stato ritrovato tra gli effetti delle persone a bordo, e che apparteneva ad un agente della DEA manca tra gli oggetti appartenenti ai passeggeri dell’autobus. L’uomo che ha rubato lo zaino, parla con un satellitare e comunica di non aver trovato quello che cercava.  Più tardi è lui stesso che si reca in obitorio per riconoscere il corpo della collega, entra nella stanza e da le spalle a Olivia, poi accarezza, o almeno sembra, il braccio e la mano della donna.

1x04: THE ARRIVAL - Olivia (Olivia Dunham) è sconvolta dopo aver visto John, ma non ha potuto parlargli perchè è sparito subito. Uno strano uomo siede al tavolo di un ristorante e chiede un panino in cui mette della paprika, un barattolo di pepe nero e dodici peperoncini, nel frattempo osserva un cantiere e scrive in modo strano e compulsivo, all’improvviso un’esplosione distrugge tutto e lui con tutta la sua calma, prepara la sua valigetta e si reca sul luogo dell’esplosione, prende il telefono e avvisa qualcuno che qualcosa “E’ arrivato”. Olivia, Walter (John Noble) e Peter (Joshua Jackson) arrivano sul luogo dell’esplosione, e vengono avvisati che è comparso uno strano oggetto, che è arrivato dal basso. Le indagini iniziano proprio con l’analisi del cilindro, che a quanto pare non è la prima volta che compare. Walter chiede che l’ oggetto venga trasferito nel suo ufficio. Viene accontentato, ma mentre Olivia si reca da un vecchio collega a chiedere informazioni sulla prima apparizione del cilindro, Walter chiede a Peter di andare a comprare della carta stagnola e quando resta solo con Astrid (Jasika Nicole), le fa una puntura nel collo e la lascia a terra, prende il cilindro e scappa. Olivia continua a vedere John (Mark Valley), l’uomo le promette che le dimostrerà che l’ha amata e la amerà sempre. Intanto, qualcun’ altro sembra essere sulle tracce del cilindro, la squadra che ha trovato l’oggetto è stata attaccata, e successivamente anche il vecchio collega di Olivia sarà “costretto” a dire chi è in possesso del cilindro.

1x05: POWER HUNGRY - Un ragazzo si trova a gestire strani “poteri”, ogni volta che si arrabbia succede qualcosa alla corrente elettrica. La nostra squadra è costretta ad intervenire quando in Massachusetts un ascensore precipita per 20 piani e muoiono 8 persone. Il ragazzo, che lavorava come corriere, si era innamorato di una segretaria, ma quando questa accetta di uscire a bere con un altro, lui si arrabbia e il pc va in panne, quando va via la ragazza entra in ascensore con lui e scopre che sul suo cellulare ci sono molte sue foto, il ragazzo si innervosisce e l’ascensore va in tilt. Lui esce indenne, si ricompone e scappa, quando arriva in azienda, il capo arrabbiato per l’ennesimo ritardo lo licenzia, e la macchina gli risucchia la mano, quando arriva a casa, sua madre lo riprende, lui si arrabbia e manda in tilt il pace maker, la madre muore e lui scappa. Grazie ad un incrocio di dati, Olivia scopre che è proprio il ragazzo che devono cercare. Secondo Walter potrebbe essere stato oggetto di un esperimento in cui vengono aumentate le onde elettromagnetiche degli umani per renderli rintracciabili da alcuni piccioni viaggiatori e creando così dei navigatori naturali.

1x06: THE CURE - Una donna cammina confusa per strada, fino a quando non arriva in un ristorante e il ragazzo dietro al bancone le offre una minestra e chiama un poliziotto, quando quest’ ultimo arriva e comincia a fare delle domande, la donna spiega che le hanno iniettato delle medicine ma non ricorda altro, lui le mette le manette per farsi seguire, in quel momento gli occhi degli altri clienti iniziano a sanguinare e muoiono uno dopo l’altro, compreso il poliziotto e alla fine alla donna le esplode la testa. Quando Peter (Joshua Jackson), Walter (John Noble) e Olivia (Anna Torv) arrivano, il dottore chiede che il corpo della donna e del poliziotto vengano portati nel suo laboratorio. Lì riesce a capire che c’è stata una forte propagazione di onde che ha “cotto i cervelli” dei clienti, e il tutto si è propagato dalla testa della donna, che dopodiche è esplosa. Il problema è capire quale è stata la causa. A quanto pare la donna soffriva di una malattia rara, e quindi vengono interrogati il suo dottore e suo marito, che dicono di non sapere niente, la donna stava guarendo per uno “strano miracolo”. Presto Olivia viene a sapere che un’ altra donna con la stessa malattia è stata rapita. 

1X07: In Wich We Meet Mr Jones - Un collaboratore di Broyles (Lance Reddick), mentre sta facendo rapporto si sente male, sembra un attacco di cuore, ma quando in ospedale gli aprono il petto per effettuare un massaggio cardiaco, scoprono che qualcosa ha ricoperto il cuore. La squadra viene avvisata e Walter chiede che l’ agente venga portato nel suo laboratorio. A quanto pare un parassita si è attaccato al cuore e sta facendo delle radici in tutto il corpo. Questa volta per risolvere il caso Olivia deve volare in Germania, a Francoforte, dove uno scienziato, Mr Jones, in carcere ha l’ antidoto per salvare l’agente. Dopo molti ostacoli Olivia riesce ad avere il permesso di vederlo, solo per 15 minuti, ma lo scienziato parlerà solo se potrà sentire il suo collaboratore. Quest’ ultimo nel frattempo è stato ucciso, ma Walter trova la soluzione, lo porta in laboratorio e collega il suo cervello a quello di suo figlio, ponendo una domanda al defunto cosi Peter potrà sentire la risposta dell’ uomo. Ma i vari tentativi finiscono tutti falliti, per Olivia il tempo stringe, deve entrare per il colloquio con lo scienziato, cerca di prendere tempo facendo alcune domande all’ uomo, che le dice di non essere stato lui a far fare la puntura all’ agente e che le fa capire di stare attenta ai suoi uomini, di cui non deve fidarsi tanto, i tentativi al laboratorio continuano e finalmente Peter vede qualcosa, ma sono solo dei paletti, ai quali si deve aggiungere quello che manca.

fonte: http://www.teleblog.it


Nella foto, l'affascinante protagonista di Fringe, l'attrice australiana Anna Torv.

venerdì 27 aprile 2012

Giappone: in lingerie per sentirsi teen-ager (da Repubblica D)


Niente pizzi sensuali o completi in stile Burlesque: la lingerie che il brand Amphi ha presentato nella sua sfilata a Tokyo è dedicata alle ragazze che amano i manga e i colori fluo o sorbetto. L'evento è stato organizzato per presentare la nuova collezione e festeggiare l'apertura di uno spazio di mille metri quadri interamente dedicato alla lingerie. Le donne giapponesi infatti hanno una passione sfrenata per l'intimo, soprattutto in stile teen. Amano mostrarlo sotto camicette da collegiale per un perfetto stile Kawai. Le giovani donne infatti puntano su uno stile ingenuo, con gonnelline, trucchi glossy, accessori di Hello Kitty, una femminilità lontana anni luce da quella proposta in Occidente dai grandi nomi dell'intimo.
fonte: http://d.repubblica.it/argomenti/2012/04/27/foto/moda_lingerie_tokyo-991435/1/
imagebam.com imagebam.com

giovedì 26 aprile 2012

Michelle Hunziker si rilassa a Miami con la figlia Aurora (da Virgilio)


Michelle Hunziker e Tommaso Trussardi sono una bella e giovane coppia e il loro amore procede a gonfie vele. Ma ogni tanto c’è bisogno di concedersi una pausa, forse per apprezzarsi di più, o forse solo per dare modo ad altri affetti di non sentirsi trascurati. Michelle Hunziker ama sua figlia Aurora, avuta dal suo matrimonio con Eros Ramazzotti, e per lei farebbe qualsiasi cosa.  Ecco dunque che per rilassarsi dopo le forti emozioni che Tommaso Trussardi le sta facendo vivere in questi mesi, Michelle Hunziker è partita per Miami portando con sé Aurora. Aurora ha da poco compiuto 15 anni, ma la bellezza di Michelle Hunziker, che in bikini mostra come il tempo su di lei pare non avere effetto, le fa sembrare sorelle. Dal bordo della piscina mamma e figlia si scambiano occhiate e tenerezze. Michelle che ha avuto Aurora quando aveva 19 anni, non fa segreto del suo desiderio di un secondo figlio...(CONTINUA)
fonte: http://gossip.virgilio.it/paparazzate/michelle-hunziker-con-figlia-aurora-ramazzotti-relax-in-piscina-senza-trussardi.html
imagebam.com imagebam.com

mercoledì 25 aprile 2012

Scarlett Johansson con un tatuaggio che celebra New York (da Repubblica D)


Nelle sue ultime passerelle in giro per il mondo, per presentare il kolossal "The Avengers" di cui è l'unica protagonista femminile, Scarlett Johansson ha sfoggiato, sul polso destro, un tatuaggio che agli osservatori attenti non è passato inosservato: un "finto" braccialetto con un ciondolo con l'acronimo di "I heart New York". Un omaggio della diva, hollywoodiana d'adozione, al fascino intramontabile della Grande Mela. Il tatuaggio va ad aggiungersi agli altri che lei già ha, tra cui i due cerchietti con la lettera "A" su una caviglia.
fonte: http://d.repubblica.it/rubriche/people-gossip/2012/04/25/foto/scarlett_johansson_tatuaggio-987994/1/
imagebam.com imagebam.com

martedì 24 aprile 2012

Nicole Kidman 'bad girl': mini-abito sensuale (da Repubblica D)


Negli ultimi anni, si è discusso molto dei cambiamenti nell'aspetto di Nicole Kidman: le tante immagini che mostrano il suo volto un pò piallato e gonfio, a causa probabilmente del troppo botox, sono state criticatissime. Ma adesso la diva, che andrà al Festival di Cannes al seguito del film "Paperboy", sembra decisa a far capire che lei è ancora e sempre non solo una donna affascinante, ma anche un'icona sexy: eccola, selvaggia e in mini-abito, nelle foto di scena della pellicola, che in queste ore stanno facendo il giro del web. Una Nicole che ricorda quella che i suoi ammiratori amano di più: quando, ai tempi di film come "Eyes wide shut" o "Birthday girl", non temeva di apparire 'bad girl'.
fonte: http://d.repubblica.it/rubriche/people-gossip/2012/04/24/foto/nicole_kidman_paperboy-984563/1/
imagebam.com imagebam.com

domenica 22 aprile 2012

Scontrini irregolari nel 50% dei locali sul lago di Como (da Repubblica)

Dopo le più famose località turistiche italiane, a cominciare da Cortina nello scorso inverno, tocca ora alla provincia di Como essere passata al setaccio dalla guardia di finanza, che all'alba ha fatto scattare una vasta caccia all'evasore - o, come viene definita dalle Fiamme gialle, un 'Piano coordinato di controllo economico del territorio - che sta interessando non solo il capoluogo, ma anche le principali località turistiche che si affacciano sul lago di Como (Menaggio, Bellagio, Gravedona) e le città più importanti della provincia come Erba, Cantù, Mariano Comense, Olgiate Comasco. I controlli sono affidati a decine di pattuglie in divisa e in borghese con non meno di 60 uomini. Nel corso dell'operazione sono state riscontrate irregolarità in più della metà dei controlli sull'emissione di scontrini e ricevute fiscali. In un primo bilancio si parla di 32 violazioni per mancata o irregolare emissione di scontrini e ricevute a fronte di 58 controlli effettuati...(CONTINUA)
fonte:http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/04/21/news/fisco_il_lago_di_como_come_cortina_blitz_all_alba_della_guardia_di_finanza-33685711/

sabato 21 aprile 2012

Stasera si festeggia La Festa del Pianeta a Napoli con Anggun e tanti artisti (da Repubblica)


A Napoli, nella serata di domenica 22 aprile 2012, si celebra la terra. Ogni anno, da quarantadue anni, in tutto il mondo il 22 aprile è infatti la Festa del Pianeta e sarà Serena Dandini a presentare quest'edizione dell'Earth Day, che torna a cantare il messaggio per l'ambiente con un concerto a Impatto Zero, a Km Zero e in diretta streaming su Repubblica.it. Tra i nomi che si alterneranno sul palco del Palapartenope anche Anggun, Francesco Sarcina delle Vibrazioni, Elena Di Cioccio (Le Iene), Enrico Ruggeri, Sud Sound System, Roy Paci. Sul palco di Earth Day Italia 2012 1 saliranno anche gli artisti di Rezophonic, un progetto musicale e sociale nato nel 2006 da Mario Riso, per la realizzazione di dischi e concerti di artisti italiani i cui ricavati, devoluti all'African Medical and Research Foundation Amref, vengono utilizzati per la realizzazione di pozzi d'acqua nella regione del Kajiado tra Kenya e Tanzania.
E poi Olly (Shandon – The Fire), Marco Cocci, Pier Ferrantini (Velvet), Piotta, Ringo (Virgin Radio), Andy (Fluon), Stef Burns, Pino Scotto, Livio Magnini (Bluvertigo), Eva (Prozac +), Emiliano (Linea 77), Kg Man (Quartiere coffee), Marco 'Garrincha' Castellani (Le Vibrazioni - Octopus), Max Zanotti (Deasonika), Sasha Torrisi, Alteria (Rock tv - NoMoreSpeech), Ketty Passa, Gianluca Battaglion (Movida), Filippo Dallinferno (The Fire). Foreste, acqua, aria, spazi. A fare gli auguri alla terra domenica saranno oltre 500 milioni di persone, sparse in oltre 175 Paesi. Augureranno si avveri un bisogno comune di salvaguardia. Il messagio per la terra sarà cantato in ogni angolo perché entri nelle menti e passi per le voci di quanti andranno a vedere Anggun, la cantante di origine indonesiana che sostiene la Fao come Ambasciatrice di Buona Volontà nella lotta alla fame nel mondo. Nel 2011, anno internazionale delle foreste, Anggun si è impegnata in progetti di rimboschimento nelle zone costiere colpite dal disastro dello tsunami in Indonesia. "Ho deciso di offrire il mio sostegno e il mio impegno alla campagna mondiale contro la fame della Fao perché tutte le persone che vivono al limite della povertà estrema possano risolvere il problema alla radice, con le proprie mani", ha detto l'autrice di Snow on the Sahara...(CONTINUA)
fonte: http://www.repubblica.it/ambiente/2012/04/20/news/earth_day-2012-33583704/

La posa sexy 'di schiena' delle Vip (da Repubblica D)

Quando posano sul red carpet le celebrities puntano su due pose fondamentali: frontali e di schiena. Ma se la prima è più scontata è la seconda a fare furore da qualche anno. Il perché è presto detto: la posa tre quarti permette di nascondere i difetti della linea e regala un'area misteriosa e sensuale anche alla diva meno espressiva. Le star coltivano il loro backstage a colpi di ginnastica, massaggi e creme emollienti e prima di indossare sul red carpet abiti scollatissimi dietro, impreziosiscono la pelle con creme illuminanti.  I paparazzi ne vanno matti e giornali e siti di tutto il mondo non perdono occasione di pubblicare questo tipo di immagine.
fonte: http://d.repubblica.it/argomenti/2012/04/20/foto/dive_schiena_nuda-978580/1/
imagebam.com imagebam.com imagebam.com

domenica 15 aprile 2012

Riassunto HOMELAND 1x10, 1x11, 1x12

1x10: Nella puntata n. 10 di Homeland, intitolata ''Un nuovo incarico'' e diretta da Guy Ferland, la CIA va a mordere le caviglie di Al Zahrani, il funzionario dell’ambasciata saudita in contatto con Walker. Saul scopre che l’uomo ha enormi debiti con alcune banche e che, dietro alla facciata di rispettabile musulmano con tre mogli e abbondante prole, c’è un omosessuale che s’incontra clandestinamente con giovani uomini in un centro termale: pensa che far leva su questi elementi possa essere la chiave per incastrarlo e smascherarne il ruolo terroristico. Quindi, Berenson e Carrie organizzano un interrogatorio con Al Zahrani presso una delle banche verso cui è debitore. Tuttavia, nessuno dei mezzi approntati per attaccare il funzionario – un martellamento sulle questioni finanziarie e la minaccia di rivelare delle foto che lo ritraggono in atteggiamenti omosessuali – si rivelano utili. Proprio quando Al Zahrani sta per andarsene, Carrie, con una mossa improvvisata, mette sul piatto l’argomento figli; in particolare, minaccia di espellere dall’università la figlia prediletta del saudita, una brillante studentessa, rendendola ospite sgradita presso tutti i paesi occidentali. La trovata è efficace: Al Zahrani torna a sedersi di fronte ai due segugi e decide di collaborare. Rivela che, quando vuole vedersi con Walker, espone alla finestra del soggiorno un cuore disegnato da suo figlio: è un segnale che fissa automaticamente un incontro per il giorno successivo, a mezzodì, presso la fontana di Farragut Square. Senza perdere tempo, Saul comanda al saudita di andare a casa ed esporre il disegno: farà da esca per prendere Walker. All’incontro, però, le cose non vanno come previsto; un ragazzo di colore (Eli Walker), simile a Walker, consegna ad Al Zahrani una valigetta – bomba che viene innescata a distanza proprio dal marine passato ad Al Qaeda. Oltre al saudita e all’attentatore, muoiono tre persone. Carrie, nei paraggi assieme ad altri agenti, resta ferita ed è condotta in ospedale. E’ un durissimo colpo per l’Agenzia, che pareva essere a un passo dal successo. Mentre si consuma questo fallimento, Brody, che nel nono episodio è stato esortato da Abu Nazir a perseverare nella sua missione jihadista, si prepara, secondo i piani, a intraprendere la carriera politica. 

1x11: L’attentato della decima puntata ha lasciato ferite lievi nel corpo di Carrie, ma ne ha minato la già fragile stabilità psichica. Il suo disturbo bipolare, tenuto nascosto a lungo per conservare il lavoro alla CIA, esplode di fronte a Saul Berenson, recatosi a trovare la figlioccia in ospedale: la Mathison, agitatissima, è in preda a una crisi e vuole tornare subito al lavoro. Saul la porta a casa, dove Maggie gli fornisce un dovuto “quadro clinico”. L’amorevole sorella maggiore di Carrie e Berenson cominciano a prendersi cura della convalescente. Il delirio prosegue tra le mura domestiche; senza alcuna logica apparente, il personaggio di Claire Danes prende a colorare in vario modo una mole di carte relative alle attività di Abu Nazir. Nel frattempo, Brody, ormai ufficialmente investito dal Vicepresidente Walden, fa una patriottica gita a Gettysburg con la famiglia: tra un hamburger, una stretta di mano elettorale e qualche didattica divagazione storica, il marine si inoltra nel retrobottega di un negozio e ritira un giubbotto da kamikaze. Ecco svelato il destino terroristico di Nick: uccidere facendosi saltare in aria. Non tutto fila liscio per il sergente jihadista: Dana, infatti, nota il misterioso involto mentre il padre lo nasconde sotto il bagagliaio. Brody mitiga la curiosità della figlia dicendo che si tratta di una sorpresa per Jessica. Il pacco furtivamente nascosto in auto si aggiunge, agli occhi di Dana, osservatrice lucida e attenta, allo strano atteggiamento tenuto dal padre in prossimità del campo di battaglia di Gettysburg, dove Brody è rimasto immobile, come pietrificato, per parecchi minuti; la figlia lo ha ripreso con una handycam e, al rientro dalla gita, mostra le insolite immagini all’amico Xander (Taylor Kowalski). Se il terrorista Brody è un insospettabile e può concedersi una tranquilla gita presso i luoghi della storia americana, le cose vanno diversamente per il “collega” Tom Walker che, ancora a piede libero, ha addosso l’attenzione di media, servizi e forza dell’ordine.

1x12: La puntata si intitola "Marine One". Carrie è costretta a letto in uno stato quasi catatonico in seguito ai problemi prima fisici poi lavorativi che l'hanno colpita negli ultimi tempi. Saul cerca di ottenere conclusioni concrete dall'analisi del quadro temporale stilato dalla ragazza. Brody ultima i preparativi per il suo debutto politico, e Walker cerca di portare a termine la sua missione.

fonte: http://serietv.cinefilos.it/

Duro affondo di Vasco verso alcuni cantanti italiani (da Repubblica)

Vasco Rossi il picconatore, ora fa a pezzi mezza canzone italiana. In un sabato uggioso, con molti suoi fan di fronte al computer per via della pioggia, ieri il Blasco ha postato sul suo profilo Facebook, conta oltre due milioni di contatti, la prima parte di quella che ha intitolato "L'altra autobiografia". Una riflessione sulla forza delle canzoni ma anche un amarcord nel suo stile sugli incontri che in questi anni ha avuto con alcuni suoi colleghi: Claudio Baglioni, Amedeo Minghi, Piero Pelù. E sono parole di fuoco per tutti. "Cosa fai, allora, quando incontri un cantante che consideri un perfetto imbecille per le cose che canta?" attacca Vasco "Quando ti trovi di fianco ad uno che, secondo te, dovrebbe andare a zappare la terra, piuttosto che continuare a frignare stupide canzoni che sono tutte la stessa lagna? Canzoni lagnose che non sopporti, ma non glielo puoi dire certo in faccia", continua. "Allora lo guardi solo negli occhi, ma in un certo modo provocatorio ed inequivocabile, aspettando (e sperando!) che abbia almeno una qualsiasi reazione visibile, che dica anche soltanto una parola, per poter scatenare una battaglia dialettica, per fargli qualche battuta cattiva ma sincera, qualche critica impietosa ma oggettiva. Quando incontri un Baglioni, insomma, che per te impersona... che per te è l'emblema... delle musichette da sala d'attesa... Con testi che non raggiungono neanche il livello dei peggiori discorsi sul più e sul meno, infarciti dei soliti luoghi comuni, come quelli che si fanno per ammazzare il tempo quando si sta in fila alle Poste o che fanno tra loro le signore dal parrucchiere durante una messa in piega...". 
Vasco poi ricorda di aver ascoltato le prime canzoni di Baglioni all'inizio della sua carriera "quando sembrava la brutta copia di Battisti", e aggiunge: "Sarà forse per questo che lo hai preso subito in antipatia...". Claudio Baglioni è stato informato dal suo entourage, ha letto le frasi che lo riguardano scritte dal Blasco su Facebook ma, richiesto di un commento, si limita ad un laconico "no comment". Più sintetica, ma se possibile anche più pepata, la parte che Vasco dedica a Piero Pelù. Parlando del leader dei Litfiba, il Blasco ricorda un incontro di qualche anno fa: "Allora, magari, ti ritrovi di fianco a Pelu'... e lo osservi un attimo. E pensi che ancora non hai capito se canta per scherzo e fa del rock per caso, o se in fondo si diverte soltanto... per sesso! Certo non hai ancora capito nemmeno un suo testo. Tutti quegli ululati poco funzionali e tutte quelle gratuite distorsioni vocali continue, che sottomettono il significato delle parole al solo fine dello spettacolo e della recitazione, sono tanto lontani dalla tua concezione di "canzone" e di "musica rock" che finisce che uno come lui, poi... ti sembra un UFO"...(CONTINUA)
a cura di carlo moretti (La Repubblica)

sabato 14 aprile 2012

Le scimmie sanno riconoscere i segni del nostro linguaggio (da VitaDiDonna.org)

Anche le scimmie sanno leggere. Ebbene sì, quella che per anni è stata considerata una capacità esclusiva di noi umani ora sembra appartenere anche ai primati. Uno studio di ricercatori francesi, pubblicato sulla prestigiosa rivista Science, ha infatti messo in evidenza come i babbuini siano in grado di riconoscere parole con significato distinguendole da segni senza alcun senso.  Un esperimento che ha visto sottoporre ad un gruppo di scimmie sequenze di quattro lettere in inglese. I babbuini, attraverso un computer dotato di schermo touch-screen con due diverse combinazioni di lettere di cui solo una di senso compiuto, erano chiamati a riconoscere quelle con significato incentivati da cibo come ricompensa per ogni risposta giusta. Bene, dopo un mese e mezzo sono stati in grado di leggere decine di parole umane dimostrando determinate capacità proprie della lettura...(CONTINUA)
fonte: http://www.vitadidonna.org/in-primo-piano/attualita/anche-le-scimmie-sanno-leggere-riconoscono-i-segni-del-linguaggio-umano-8639.html

venerdì 13 aprile 2012

Riassunto HOMELAND 1x07, 1x08, 1x09

1X07: La puntata, chiamata ''Il weekend'' e diretta da Michael Cuesta, si apre sulle tracce di Aileen Morgan. Ormai sola – il compagno Raqim Fajsel è stato crivellato di pallottole qualche ora prima – la fuggitiva, in prossimità del confine messicano, sale su un pullman per espatriare e farla franca. Tuttavia, la ragazza non è stata mollata un istante dalla CIA; scortato dagli invadenti colleghi dell’FBI, Saul, già in territorio messicano, la prende in consegna. Per Aileen si prospetta un cupo ritorno in patria; Saul, che guida placidamente con la giovane al fianco, attinge a tutta la sua esperienza per toccarne la sensibilità, al fine di renderla collaborativa, promettendo altresì un addolcimento dei provvedimenti a suo danno in cambio di preziose informazioni. Nel frattempo, Carrie e Brody – la Mathison era salita a bordo dell’auto del sergente al termine della sesta puntata – stanno passando del tempo insieme; dopo qualche bevuta e un accenno di rissa in un bar, i due si dirigono verso uno chalet immerso nella natura proprietà della famiglia di Carrie. Tutto fa pensare che nella testa della Mathison – una testa la cui stabilità, come si capisce da una telefonata tra lei e la sorella, la bella agente ha dimenticato di aiutare con le solite pillole – si stiano allontanando i sospetti in favore del sentimento amoroso per Nick. Tuttavia, quando Carrie, appena arrivati alla baita, carica una pistola senza farsi vedere dal marine, diventa evidente come la pista del “convertito” sia ancora viva per il personaggio interpretato da Claire Danes. I due trascorrono intense ore tra carezze, confidenze, sesso e qualche bugia. Al risveglio dopo la seconda notte nell’ameno covo amoroso, tutto cambia; Carrie si tradisce, rammaricandosi con Brody perché non può preparargli dello Yorkshire Gold, il thè preferito del sergente, il quale, colta la stranezza, vuole comprendere. L’arrampicata sugli specchi della Mathison dura poco; non può far altro che dire la verità: credendolo un uomo di Nazir, l’ha spiato per più di un mese. Brody è furioso, sente – o, almeno, è quello che dà a vedere – d’esser stato avvicinato e sedotto per esser spiato. “Chiedimi qualunque cosa”, fa il sergente alla Mathison, deciso a smontarne ogni sospetto.

1X08: La puntata, diretta da Tucker Gates, si chiama “Tallone d’Achille”; il titolo fa riferimento al punto debole di Walker – la famiglia – su cui gli inquirenti, primo fra tutti Saul, decidono di far leva per trovare l’ex soldato. Ecco come: Saul, analizzando i tabulati telefonici, scopre che verso le otto del mattino, nei giorni feriali – cioè quando Helen Walker accompagna a scuola il piccolo Lucas – Tom Walker telefona a casa sua, restando in silenzio, per ascoltare nel messaggio della segreteria le voci di moglie e figlio; si decide quindi di far rispondere la signora Walker e farla stare al telefono con il marito il tempo necessario per localizzare quest’ultimo, che chiama usando ogni volta un cellulare diverso. Mentre viene intessuta questa strategia, in casa Brody le cose cambiano: innanzitutto, Nick torna in famiglia dopo il weekend con Carrie. In secondo luogo, il sergente si riconcilia con la moglie, all’insegna della reciproca comprensione. I due ricevono l’invito alla “festa dell’anno” da parte della potente Elizabeth Gaines, il tentacolo governativo dedito allo sfruttamento in chiave politica dell’eroe di guerra; lo scopo della Gaines e del Partito Democratico è far occupare a Brody il seggio di Richard Johnson (Joe Urla), destinato a restare libero in seguito a un sexy gate che ha toccato il politico. Al party patinato si recano anche Saul e Mira, ormai prossimi alla separazione, con la partenza per l’India della donna alle porte; poco prima che si rechino all’evento, si presenta a casa loro Carrie per aprirsi con Saul, dicendogli dei suoi incontri con il sergente. Il mentore della Danes, pur riconoscendo la gravità di quanto riferitogli, reagisce pacatamente, e stringe a sé la Mathison come un padre, incoraggiandola a chiudere la pratica Walker. E torniamo proprio alla “linea eroica”: dopo alcuni tentativi andati a vuoto, Helen Walker, sostenuta da Carrie, risponde al marito e lo tiene in linea; sul più bello, proprio quando alla CIA hanno ormai localizzato la preda e l’FBI sta per catturarla, la signora Walker, toccata dalla voce del marito, che improvvisamente ne pronuncia il nome, gli svela la trappola e lo esorta a mettersi in salvo. Walker, con gli agenti alle calcagna, riesce a fuggire; per di più, l’inseguimento finisce in tragedia, con una sparatoria dentro una moschea all’interno della quale il fuggiasco pare esser svicolato: a terra restano due fedeli disarmati, in attesa della preghiera del mattino. Il fantomatico “uomo del tetto” se l’è cavata; lo vediamo arrivare all’indirizzo segnato sulla banconota, una sorta si garage sotterraneo: all’interno, lo attende un fucile di precisione, comodamente adagiato in una di quelle valigette da cecchino che abitano decine di pulciose stanze d’albergo cinematografiche. Alle sei del mattino, dopo una notte spesa a seguire la fallimentare caccia a Walker, Carrie si reca a casa Brody; il marine, svegliato da uno squillo del cellulare, esce in giardino, lasciando Jessica addormentata sotto le coperte. La Mathison dice a Nick – vuole che lo sappia da lei, non dai notiziari del mattino – che Walker, contrariamente a quanto lui sostiene, è vivo, ed è una minaccia; inoltre, assicura al sergente che quanto lui le ha confidato alla baita non è stato trasmesso all’agenzia. La Mathison è sinceramente dispiaciuta e Nick si mostra più morbido, comprensivo: un riavvicinamento pare possibile. Intanto, poco fuori da un’altra casa – quella di Saul – Mira sta caricando sul taxi gli ultimi bagagli: Berenson, appena rientrato dall’intensa, ma sterile, notte di lavoro, non riesce a bloccare la moglie.

1X09: La puntata numero nove di Homeland, intitolata ''Fuoco incrociato'', è caratterizzata da un tuffo nel passato copioso e chiarificatore; quando, infatti, Brody, pestato e rapito da due uomini all’uscita del supermercato, comincia a riaversi, il racconto recupera il risveglio del sergente prigioniero a casa di Abu Nazir. Si apre così un generoso spiraglio sul rapporto tra il marine e il terrorista, una retrospezione articolata in alcuni ampi frammenti che si alternano agli eventi del “presente”. Nazir è gentile con Nick, reduce da terribili torture, sporco, affamato; lo nutre e se ne prende cura, lo tratta come un gradito ospite della sua bella e segretissima dimora. Il super ricercato non vive solo: ha un bambino, il timido Issa (Rohan Chand). Questo nome, che il sergente suole chiamare nei suoi incubi, non appartiene quini, come detto da Brody a Carrie, a un carceriere dai modi gentili. Tra Brody e Issa- il sergente è incaricato da Nazir di insegnare l’inglese al piccolo – si instaura un rapporto di grande affetto e fiducia. Tutto si spezza quando il bambino, uscito per andare a scuola, muore sotto i colpi di un bombardamento americano sferrato per colpire Nazir, che resta illeso. Trait d’union tra il passato e il presente è la conferenza stampa tenuta dal vicepresidente Walden per spiegare che la notizia secondo cui l’attacco al compound di Nazir ha fatto strage di bambini è una falsità propagandistica messa in circolazione dai terroristi; la conferenza, seguita allora in tv da Brody e Nazir, è riproposta al sergente, dopo che si è risvegliato, dal misterioso arabo – si chiama Al Zahrani – con l’auto diplomatica (è lui che ne ha orchestrato il rapimento). Per il malconcio Brody c’è anche un videomessaggio di Abu Nazir, che lo richiama all’ordine, invitandolo a portare a termine la sua missione jihadista, della quale la morte dell’adorato Issa è stata fondamentale propulsore. Una volta richiamato alla causa terrorista e invitato da Al Zahrani ad accettare le lusinghe e le proposte del mondo politico, Brody è libero di tornare a casa con la spesa e qualche livido, che giustificherà di fronte a Jess parlando di una rapina. Proprio mentre Nick lascia la dimora di Al Zharani, sede della sua breve detenzione, Saul e Carrie – non incrociano il marine per pochissimo – si approssimano furtivi, in auto, all’abitazione, meditando su come ricavare informazioni da e sull’enigmatico padrone di casa. La puntata volge al termine, ma occorre fare un passo indietro per recuperare quanto il piano del “presente” abbia offerto oltre al rapimento e al risveglio del sergente. Innanzitutto, Carrie ha proseguito l’indagine sulla moschea in cui è svicolato Tom Walker prima di sparire nel nulla e in cui sono stati uccisi per errore due fedeli: è evidente che il latitante aveva familiarità con il luogo ed è necessario ricavare informazioni sulla sua frequentazione della moschea.

Kelly Brook versione pin-up (da Repubblica D)


E' una Kelly Brook bellissima che fa chiaramente il verso al mondo delle pin-up anni Cinquanta, quella che vediamo in queste immagini: siamo a Brighton, in Inghilterra, e la modella sta girando uno spot per la nuova campagna pubblicitaria "New Look".
fonte: http://d.repubblica.it/rubriche/people-gossip/2012/04/12/foto/kelly_brook_pin-up-964310/2/#media

martedì 10 aprile 2012

Stati Uniti: arriva il Nokia Lumia 900 (da WebNews.it)

Continua la missione di conquista degli Stati Uniti d’America da parte di Nokia con la famiglia Lumia: l’azienda finlandese ha infatti presentato Oltreoceano il modello Lumia 900, uno degli ultimi arrivati all’interno del segmento dei Windows Phone realizzati dal colosso europeo. L’approdo negli USA è avvenuto in collaborazione con AT&T, i cui negozi hanno dato il “La” alle vendite nella giornata di domenica. Si tratta di una presentazione che ricalca lo stile del carrier statunitense, tipicamente attento a lanciare nuovi device proprio di domenica, benché in questo caso il tutto sia avvenuto in una giornata alquanto particolare. La ricorrenza della festività della Pasqua ha infatti avuto come conseguenza la quasi impossibilità di mettere le mani su un Lumia 900, come confermano i diversi tentativi andati a vuoto di individuare uno store aperto oppure in possesso dello smartphone in tale giornata da parte del New York Times. AT&T e Nokia hanno preferito non diramare numeri ufficiali circa le vendite nei primi giorni, ma nonostante ciò hanno sottolineato come l’interesse da parte dell’utenza sia stato piuttosto elevato. L’operatore di telefonia mobile ha inoltre reso noto che la campagna pubblicitaria avviata in partnership con Nokia sarà superiore a qualsiasi altra mai lanciata, dimostrando una fiducia da parte dell’azienda nei confronti della linea Lumia maggiore di quella riposta nell’iPhone di Apple...(CONTINUA)
fonte: http://www.webnews.it/2012/04/10/nokia-lumia-900-usa/

giovedì 5 aprile 2012

Ora tutte le dive imitano Angelina Jolie e il suo meraviglioso spacco


Onore al merito ad Angelina Jolie. Attrice di talento, moglie di un sex symbol come Brad Pitt, in prima linea nella difesa dei poveri e dei rifugiati del mondo, neoregista col coraggio di affrontare un tema duro come quello della guerra in Bosnia, diva capace di trasformare al momento giusto la sua immagine di bad girl, convertendola in quella di madre perfettina di sei figli: ogni sua mossa, mediaticamente, sembra essere azzeccata. Perfino la sua magrezza eccessiva, pure se evidenziata di tanto in tanto da qualche sito di gossip, generalmente passa sotto silenzio. Senza intaccarne lo status di icona di fascino e di stile. Ma il vero colpo di genio della star, la trovata semplice ma che non ti aspetti, lo stratagemma capace di oscurare qualsiasi rivale, è nel look con cui si è presentata all'ultima cerimonia degli Oscar: abito nero Versace con spacco vertiginoso sulla gamba destra. Da lei enfatizzato in ogni posa a beneficio dei fotografi: sempre col ginocchio piegato, strategicamente posizionato per evidenziare l'arto nudo. Risultato: nella Notte delle Stelle, quella a più alto tasso glamour del Pianeta, i riflettori sono stati tutti per lei. Nemmeno le trasparenze spinte di Jennifer Lopez hanno avuto tanta eco, sui giornali e sul web. Angelina, insomma, si è ripresa la scena. Sbaragliando le veterane come lei - Cameron Diaz, Kate Winslet, Charlize Theron - ma anche le dive più giovani e più emergenti: da Emma Stone a Jessica Chastain. E correggendo, nello stesso tempo, il rischio di veicolare un'immagine troppo seriosa (mamma, moglie e attivista dei diritti umani), a scapito del fascino e dell'eleganza...(CONTINUA)
FONTE: http://www.repubblica.it/persone/2012/04/05/news/angelina_jolie_spacco-32751011/
imagebam.com

mercoledì 4 aprile 2012

Nuova tecnica per sconfiggere i tumori del sangue (da VitaDiDonna)


Una nuova tecnica di immunoterapia cellulare adottiva per il cancro, TCR gene Editing, capace di combattere i tumori del sangue, è stata messa a punto dai ricercatori del San Raffaele di Milano. L’efficacia è stata dimostrata per alcuni tipi di tumore, anche per quelli in stadio avanzato. Questa nuova tecnologia parte dal presupposto che il sistema immunitario può essere utilizzato per curare i tumori. In particolare, negli ultimi anni è stato osservato che alcune cellule del sistema immunitario, i linfociti T, sono capaci di riconoscere e sconfiggere le cellule tumorali. Nel nostro organismo esistono diversi linfociti , ognuno dei quali ci difende da diverse malattie...(CONTINUA)

lunedì 2 aprile 2012

Riassunto HOMELAND 1x04, 1x05, 1x06 (quarta-quinta-sesta puntata)

QUARTA PUNTATA - Ne ''L’incontro'', quarta puntata di Homeland, assistiamo al protrarsi delle uscite pubbliche del sergente, che manda in visibilio folle di giovani militari; la vicepresidenza non sta a vedere e invia un proprio braccio operativo, Elizabeth Gaines (Linda Purl), a colloquiare con David Estes per parlare di Brody e capire fino a che punto e in che modo il governo possa approfittare dell’eroe di guerra. Viene addirittura vagheggiata l’opportunità di un incarico di governo per il marine; inutile sottolineare come all’ambizioso Estes vengano prospettati ulteriori avanzamenti di carriera in cambio di aiuto su questo poco nobile versante della questione Brody. Questi, in privato, è scettico rispetto alla recita in cui si sta cimentando – lo dice, per esempio, a Mike – ma si cala nei richiesti patriottici panni senza esitare.
Campagna_728x90
QUINTA PUNTATA - Brody si mette in uniforme e si reca da Estes: vuole incontrare Hamid, per guardarlo negli occhi e chiudere una volta per tutte il capitolo più buio della sua esistenza. Estes si convince e lo accompagna immediatamente presso il luogo di detenzione. Nicholas si siede di fronte al siriano e gli parla spavaldamente; Hamid gli sputa e scoppia una colluttazione, bloccata dagli agenti. L’incontro col prigioniero costa a Brody l’esame di karate del figlio: è il solito Mike ad accompagnare e gratificare Chris. Soltanto nel finale della puntata, con una breve scena, si vedrà il marine chiedere scusa al ragazzino trascurato. Intanto, Carrie scopre che l’indirizzo di posta elettronica appartiene a Fajsel, il professore universitario sul quale erano scemati i sospetti nella puntata precedente, e che invece ora diventa fondamentale rintracciare. Gli agenti della CIA fanno irruzione nella casa del docente, ma la trovano deserta: se ne è andato. Proprio un attimo prima che si svolga quest’azione, Saul chiama Carrie per darle una terribile notizia: Hamid si è suicidato tagliandosi le vene con una lametta da barba. Il superiore di Carrie dice – senza in verità apparire troppo convinto delle sue stesse parole – che forse la teneva nascosta: la Mathison ipotizza che qualcuno gliel’abbia data. La situazione è critica: c’è un fuggitivo, Fajsel, e non c’è più una fondamentale fonte d’informazione, Hamid.

SESTA PUNTATA - La puntata comincia con Carrie che scruta il video della colluttazione tra Brody e Hamid, cercando di capire se il marine abbia passato la lametta al prigioniero, propiziandone il suicidio; come già intuibile dalla fine del quinto episodio, il personaggio interpretato da Claire Danes ha deciso di non lasciare l’agenzia e perseverare caparbiamente nell’indagine. Decisa a incastrare Brody, propone ai superiori, con successo, una seduta al poligrafo, cioè alla “macchina della verità”, per tutte le undici persone che, avendo avuto contatti con il prigioniero, potrebbero avergli passato la minuscola e letale lametta. Tra questi, c’è anche Saul: con un breve dialogo, lui e Carrie sotterrano, almeno momentaneamente, l’ascia di guerra, dopo l’acceso scontro notturno della quinta puntata. La bella Mathison, poco più tardi, supera brillantemente la prova del poligrafo; stesso risultato per David Estes. Nel frattempo, Saul si è recato nei pressi della casa abbandonata dal professor Fajsel poche ore prima, rivoltata da cima a fondo dagli agenti senza trovare nulla di significativo. Interrogando una vicina, Berenson comprende che il fuggitivo non è solo, ma è accompagnato da una donna, che viene identificata con un’attenta ricostruzione delle sue tappe biografiche: si tratta di Aileen Morgan (Marin Ireland), 28enne di famiglia facoltosa con una lunga militanza nei movimenti antagonisti.

Modern Family in vacanza: debutto western (da Kataweb)

Torna ''Modern Family'', la serie in stile falso documentario vincitrice nel corso delle prime due stagioni di undici Emmy awards. Dal 2 aprile, ogni lunedì alle 22.45 FOX (canale 111 di Sky) gli episodi inediti della terza stagione. Nell’attesa di tornare a godere delle esilaranti vicende di casa Pritchett, vi proponiamo le interviste esclusive con Ty Burrell e Julie Bowen, nella serie Phil Dunphy e sua moglie Claire Pritchett. I due, che danno vita sullo schermo a una delle coppie più divertenti della televisione, parlano dello show rivelando gustosi particolari. Nella prima puntata vedremo la famiglia Pritchett al gran completo partire per una vacanza lontano da casa in un ranch nel Wyoming. L’intenzione sarebbe quella di rilassarsi nella natura, con una vacanza in stile ‘La vita, l’amore e le vacche’...(CONTINUA)
fonte: http://www.kataweb.it/tvzap/2012/03/29/modern-family-in-vacanza-esordio-in-stile-western-400409/

Giovanissime modelle crescono e imparano... (da Repubblica D)


Non capita spesso di assistere alla nascita di una top model. Ma grazie al servizio fotografico realizzato a Miami per la nuova edizione del concorso Russia's Next Top Model è diventato possibile. La severa Inna Zobova, giudice del concorso che cerca i nuovi volti del mondo fashion, è volata a Miami assieme ad alcune delle giovanissime che parteciperanno al contest. E sulla spiaggia abbiamo assistito alle pose a volte perfette, a volte buffe e impacciate come quelle di tutte le teenager che si trovano per la prima volta davanti a un obiettivo. Queste piccole donne fanno tenerezza proprio per come a volte perdono la posa e si trasformano in ragazzine che scoppiano a ridere o giocano a fare le dive. Ancora qualche mese e non ci sarà più traccia di questa spontaneità.
fonte: http://d.repubblica.it/rubriche/people-gossip/2012/04/01/foto/russe_top_model-938750/6/#media